il Blog Travel For Fans – dove osano i viaggiatori

Posts Tagged "Memphis"

Memphis e i mitici Sun Studio

Memphis e i mitici Sun Studio

By on Nov 4, 2014 in Blog, Musica, USA | 0 comments

Parlando di musica e di Memphis la nostra mente non può che andare immediatamente all’immagine tonda del logo dei Sun Studio che giganteggia al 706 di Union Avenue. Anche se Elvis non vi avesse mai posto piede sarebbero da considerarsi uno dei punti “sacri” per chiunque decidesse di visitare la città del Tennessee al confine con lo stato del Mississippi e bagnata dall’omonimo maestoso fiume. Persino un’icona della musica moderna come Bob Dylan non ha potuto fare a meno di varcare la soglia di questi studi di registrazione ove, addirittura, ne baciò il pavimento. L’artefice di questo miracolo è Sam Phillips, quando non ancora trentenne fondò la Sun Record nel 1952, dopo le positive esperienze come dj alla stazione radio WREC, e nei quali studi portò a registrare alcune delle più importanti figure della musica nera di quegli anni, ad iniziare da Howlin’ Wolf e passando per artisti del calibro di “Dr” Isaiah Ross, B.B. King, Big Walter Horton, James Cotton, Rufus Thomas, Little Junior Parker e Little Milton. Il brano “Rocket 88”, scritto da Ike Turner ed interpretato da Jackie Brenston coi suoi Delta Cats viene considerato come il primo brano rock ‘n’ roll della storia e il nome della neonata etichetta iniziò a circolare portando un giovanissimo Elvis Presley l’anno seguente (siamo nel 1953) a registrare un’acerba canzone da regalare alla madre per nulla blues o rock ‘n’ roll. Ma, casualmente, Phillips ascoltò quella registrazione ed intuì le potenzialità del giovane ragazzo di Tupelo e lo convocò per una registrazione affiancato dai preparati Scotty Moore e Bill Black. Ne scaturì una infuocata versione di “That’s All Right”, brano di Arthur Crudup, che lanciò la carriera di Presley nel firmamento del rock ‘n’ roll. Alla fine del 1955, causa le dimensioni degli studi e della logistica che non riusciva a supportare l’esplosione di Elvis, Phillips cedette il contratto al colosso RCA ma, allo stesso tempo, inizio a focalizzare il proprio interesse verso il rock ‘n’ roll bianco lanciando alcuni tra i migliori artisti della storia, come Carl Perkins, Johnny Cash, Jerry Lee Lewis, Roy Orbison e Charlie Rich. Nonostante l’enorme successo avuto col rockabilly, Phillips ha tuttavia sempre dichiarato Howlin ‘Wolf come la sua più grande scoperta. Quelli...

Read More
Il mito delle Highway americane

Il mito delle Highway americane

By on Ott 30, 2013 in Blog, USA | 0 comments

Da sempre un fascino tutto particolare avvolge e ricopre di storie alcune strade americane, divenute simboli ancor più che grigi nastri d’asfalto percorse da automezzi di qualsiasi genere. La Route 66 è forse la più famosa, con le sue 2.400 miglia, attraverso otto Stati e tre fusi orari che unisce Chicago nell’Illinois con Santa Monica in California, passando per Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, New Mexico e Arizona. Una strada cantata, raccontata e filmata; divenuta emblema di uno stile di vita “coast to coast” tanto caro agli americani, e non solo. In poche parole: un mito americano. La strada rappresenta per gli americani l’esigenza di muoversi, fare conoscenze ed esperienze, a volte anche sovversive, in quell’immensità del territorio nordamericano tracciando precisi stili di vita. Basti pensare alla beat generation che dall’On The Road di Jack Kerouac ha tratto linfa per far nascere il movimento giovanile degli anni Sessanta. Strada vuole dire cultura, architettura, arte, musica, natura ma, e soprattutto, unione. Basterebbe aver letto Strade Blu di William Least Heat Moon per capire cosa si cela dietro ad una comune strada se sei negli USA. Un viaggio che ti porta da una metropoli all’altra passando per piccoli villaggi, motel, empori, pompe di benzina con l’immancabile distributore della Coca Cola e le fantastiche multicolori insegne che propagandano di tutto. Nel Profondo Sud, dove si concentrano – tra l’altro – la maggior parte dei progetti di viaggi di Travel For Fans le strade sono fortemente legate al blues e alle migrazioni delle popolazioni nere verso quel Nord ben più ricco di prospettive lavorative e di vita. Memphis è la città del Tennessee dove arrivano, si incrociano e si dipanano, le principali arterie stradali. La più conosciuta è la Highway 61 che entra nello Stato del Mississippi attraverso il bassopiano alluvionale del Delta, e per quasi 320 chilometri penetra in una regione in cui il tempo pare essersi fermato abbracciato dal corso dei fiumi Yazoo e Mississippi. In queste terre, tra le più fertili di tutti gli Stati Uniti, nutrite per secoli dai periodici straripamenti dei due fiumi e dall’inesauribile lavoro dei Neri – prima schiavi e poi braccianti – è nato, nelle baracche dei contadini, lungo i campi di cotone, di soia e...

Read More
Memphis in the Meantime

Memphis in the Meantime

By on Giu 22, 2013 in Blog, Musica, USA | 0 comments

Meta di arrivo e partenza di moltissimi dei viaggi di Travel For Fans, il progetto creato dall’Associazione Rootsway e dalla rivista Il Blues – in collaborazione con qualificati Tour Operator – per visitare l’America in un modo alternativo è Memphis, una delle città più “musicali” di tutti gli States. Memphis nasce da un intreccio fatto di schiavi, cotone e blues che ne hanno scritto la storia. All’apparenza sonnacchiosa e adagiata sul grande fiume Mississippi, la città appare immensa (nonostante i nemmeno 700.000 abitanti) guidando lungo le grandi Avenue che conducono – o meglio convergono – su Downtown. Fondata nel 1819, strappata agli indiani Chickasaw che lì vivevano da sempre, è posizionata all’interno della Contea di Shelby, della quale è capoluogo, nello stato del Tennessee ai confini con Arkansas e Mississippi. Grazie alla posizione di assoluto privilegio, lungo la sponda del Mississippi, divenne da subito un punto nevralgico del commercio fluviale, soprattutto del cotone, in continua espansione nella zona del Mississippi Delta. La città, però, collassò e finì in completa bancarotta intorno al 1878 a causa di un’epidemia di febbre gialla che provocò 5.000 vittime (la maggior parte tra la popolazione bianca) e il conseguente abbandono della città di un’alta percentuale di abitanti. Risorse grazie ad un ex schiavo di nome Robert Church e Beale Street, strada di mercanti, divenne il fulcro delle attività sociali e civiche di tutta la contea e, anche, centro ricreativo e culturale. Venne fatta erigere la Grand Opera House che, successivamente, mutuò il nome in Orpheum Theatre. Ed ecco, allora, il Blues che si fece largo prepotentemente diventando “colonna sonora” di Memphis. Nell’ottobre del 1949 il dj della WREC, e imprenditore in erba, Sam Phillips affittò una vecchia bottega, allora negozio di radiatori abbandonato, e lo riempì con le più moderne attrezzature di registrazione. Nacque, così, il Memphis Recording Service e ben presto Phillips si trovò ad intrattenere una frotta di musicisti locali di gospel e blues. Alcuni di loro divennero presto famosi: Joe Hill Louis, Bobby Bland, Little Milton, Roscoe Gordon, un giovanissimo B.B. King e un goffo e gigantesco nero di nome Chester Burnett, conosciuto a livello locale come Howlin’ Wolf. Nel ’52 Phillips abbandonò il Memphis Recording Service e fondò il Sun Studio...

Read More

Viaggiare: se vuoi farlo, fallo bene. Con Travel For Fans

By on Mag 21, 2013 in Blog, USA | 1 comment

Esistono viaggi e viaggi. Questa è una verità assoluta che trova sempre più concretezza nel panorama del turismo mondiale. Il classico viaggio organizzato “da pacchetto”, pur rimanendo sempre gettonato, sta subendo l’inevitabile flessione data dalla tanta offerta spesso, se non addirittura troppo, in concorrenza costante tra i vari Tour Operator. E, poi, il turista moderno vuole – sempre di più – investire su quello che non è un semplice viaggio ma, bensì, il coronamento di un sogno. Perché il viaggio inizia tra le 4 mura domestiche, dove l’avventura si concretizza e prende forma, ed è allora lì che nasce quel fuoco sacro che ci permette di vedere costruirsi, nella nostra mente, l’itinerario perfetto. Bruce Chatwin, un famoso travelwriter, un giorno ha scritto “il viaggio non soltanto allarga la mente: le dà forma”. Per poter concretizzare tutto questo è, però, necessario che ci sia una profonda conoscenza, da parte di chi organizza e prepara i pacchetti per un mercato che viene comunemente chiamato “di nicchia” (ma che se andiamo a guardare i numeri comprende alcuni milioni di potenziali clienti), di tutte quelle sfumature fondamentali per realizzare questi nostri sogni. Ed è proprio a questi utenti che si rivolgono un gruppo di appassionati italiani (l’associazione culturale Rootsway e Il Blues Magazine, l’unica rivista di settore che da 30 anni si occupa di Blues e delle sue culture) e un Tour Operator (Altrimenti Tour Operator di Verona), anch’esso ispirato da viaggi fatti “per appassionati”. Ecco che, allora, è nato Travel For Fans: il coronamento di un sogno, il viaggio della vita. Una serie di progetti a tema, totalmente dedicati alle passioni che accomunano migliaia di persone: la musica, la cultura, lo sport, l’arte e che, finalmente, sono stati progettati con una specifica cura e attenzione nei piccoli dettagli, per poter dire “ci sono stato” e aver vissuto un’esperienza unica nel suo genere. I primi progetti proposti sono quelli legati alla musica e al territorio del Sud degli Stati Uniti, dove tutto ha avuto inizio: il Mississippi e dintorni. Provate a liberare la mente e fatevi trascinare da un viaggio Travel For Fans, perché, come diceva John Steinbeck – profondo conoscitore di quelle terre – “Il viaggio è come il matrimonio. Il metodo...

Read More

Con Travel For Fans nel Mississippi, dove tutto ebbe inizio

By on Mag 21, 2013 in Blog, Musica, USA | 0 comments

Una lingua di terra, piatta, agricola, dove la polvere si mescola al fango dei fiumi limacciosi. Dove la vita si dipana in minuscoli borghi e non esistono le metropoli. Dove se dici che questa è l’America non ti credono. Una terra dove il canto era l’unico modo di comunicare di una popolazione portata lì con la forza. E con la forza, ma anche con tanta crudeltà, è stata costretta a lavorare e vivere di miseria e umiliazioni. Una terra che ha sofferto e che ha fatto soffrire, ma che ha, anche, contribuito a creare la musica moderna: il Blues e i suoi più celebri derivati. Questa terra ha preso il nome del suo fiume più importante ed è entrata anche nelle nostre case, nel nostro immaginario e nei nostri sogni attraverso i racconti di William Faulkner, Erskine Caldwell, John Steinbeck; gli scatti di Dorothea Lange, Walker Evans, William Ferris, Dick Waterman, le immagini di Bertrard Tavernier, Alan Parker, dei fratelli Cohen fino all’ultimo capolavoro di Quentin Tarantino. Questa terra, dove un incrocio può diventare leggenda, dove il sacro si fonde nel profano, dove il suono del treno è ritmo e musica, ha un fascino che – quando la vedi – non puoi che restarne innamorato. Questa terra si chiama Mississippi Delta Delta (da non confondersi con il Delta geografico, in quanto è una zona di 7.000 miglia quadrate a forma di foglia allungata che a Nord sfiora Memphis ed a Sud Vicksburg) ed è laggiù nel “Deep South” degli Stati Uniti, ricca di magnolie e cotone che sembra neve d’estate. Dalle sue piantagioni e dai terribili penitenziari, dalle disgrazie e dalle gioie è nata quella musica che, anche grazie al lavoro di Alan Lomax e dei suoi seguaci, è arrivata anche ai giorni nostri. Da quelle terre ha preso il “City of New Orleans”, nei casi più fortunati, o uno dei tanti Freight Trains per arrivare a Chicago ed elettrificarsi, oppure si è fermata a Memphis e nei suoi Sun Studio per diventare Rock ‘n’ Roll o addirittura, mescolandosi con i suoni provenienti dagli Appalachi, si è trasformata nella Country Music. Questa è la magia del Blues e del Mississippi, una terra e una cultura che va vissuta a...

Read More