il Blog Travel For Fans – dove osano i viaggiatori

Posts Tagged "travel"

Chicago: vento e Blues lungo il Lago Michigan

Chicago: vento e Blues lungo il Lago Michigan

By on Ott 3, 2013 in Blog, Musica, USA | 0 comments

Uomini e donne hanno cantato per secoli dei problemi che li hanno afflitti. Fu subito dopo la proclamazione dell’emancipazione, 1893 quando il popolo nero fu liberato dalla schiavitù senza adeguato inserimento sociale (educazione, denaro o luoghi dove vivere), che la maggior parte dei neri non ebbe altra scelta che quella di diventare lavoratori “migratori”, sottoposti, cioè, a continui spostamenti. Chicago fu una delle mete principali e questo divenne periodo di grande trasformazione per la “Windy City”, sempre più metropoli. Tra le tantissime persone giunte dal “Deep South” molti erano dei musicisti, così com’era abitudine nel Delta del Mississippi. Questi uomini cantavano ciò che li affliggeva, i loro problemi. La loro musica ne denunciava le condizioni sociali, i problemi personali, molti dovuti dai continui spostamenti ai quali erano sottoposti che, spesso, li costringeva a forzate e dolorose separazioni dalle proprie famiglie. Il cantare agli angoli delle strade, nei bar, alle varie feste, alle stazioni ferroviarie era l’unico sistema per raccogliere qualche sparuto dollaro per la sopravvivenza e questo divenne, per loro, uno stile di vita. Questa espressione individuale, meglio conosciuta a tutt’oggi come Blues, mutò la sua forma originale di matrice “folk” o “classic Style” attraverso il Rhythm & Blues e l’Urban Blues continuando ad evolversi. Molti dei grandi bluesmen arrivati a Chicago, stimolati dalla grande richiesta di manodopera nelle ferrovie, nelle acciaierie o nei famigerati “stockyards”, i macelli della zona sudoccidentale della città, hanno trovato la fama nei vari locali sorti nella Chicago nera che, con la sua vita notturna e musicale, si è affollata attorno a South State Street per, poi, espandersi nel più povero West Side, lungo la Madison Avenue, teatro nei tardi anni Sessanta di devastanti tumulti razziali e dilatando a dismisura i confini della città. La musica, che fino ad allora era esclusivamente acustica, trovò, in questa proiezione urbana, un dominante interplay tra chitarre crudelmente amplificate e armoniche della musica del Delta, trovando in Muddy Waters un nuovo santone, subito divenuto la principale attrazione della Chess Records, etichetta fondamentale per l’affermazione e la diffusione di Blues, Rock ‘n’ Roll e Rhythm & Blues nei ’50 e ’60. Attorno a Waters (vero nome McKinley Morganfield), giunto dalla piantagione di Stowall, nei pressi di Clarksdale in Mississippi,...

Read More
L’America attraverso il cinema dei fratelli Coen

L’America attraverso il cinema dei fratelli Coen

By on Mag 31, 2013 in Arte e Cultura, Blog, USA | 0 comments

Parlando di cinema è scontato che emergano gli Stati Uniti; e per ovvi motivi. Ovvi, ma non da sancire che la qualità dei prodotti sia pari agli investimenti e agli incassi ai botteghini. Ma se non è tutto oro ciò che luccica è altrettanto vero che dal 1894 (data delle prime proiezioni di Thomas Edison) ad oggi abbiamo potuto beneficiare di prodotti di altissima qualità provenire da oltre oceano. Ed è proprio ad un secolo esatto dalla creazione del cinetofono, e quindi del cinema con tanto di sonoro, che muovono i primi passi da protagonisti Ethan e Joel Coen, due giovani fratelli che daranno vita ad una serie di capolavori della filmografia statunitense, raccontando l’America con un occhio particolare per personaggi e dettagli. Un cinema, il loro, irriverente e sofisticato, grottesco, innovativo, spiazzante e a volte ambiguo, che si muove all’interno di tutti i generi, lasciando una forte impronta, un marchio di fabbrica, geniale e ricco di un fortissimo stilismo. Nonostante abbiano da sempre goduto di una notevole considerazione presso la critica i due fratelli, nativi di St. Louis Park, un sobborgo di Minneapolis, rifiutano ogni tipo di atteggiamento divistico, nella vita e nei rapporti con le persone. Tratti che spesso emergono nei personaggi creati appositamente per i loro film e magistralmente interpretati dai tanti attori, alcuni dei quali spesso presenti in diverse loro opere, come John Goodman, fenomenale caratterista, John Turturro e Frances McDorman, tra l’altro divenuta moglie di Joel Coen. E’ l’America con le sue contraddizioni che emerge forte nelle pellicole dei Coen ad iniziare da Arizona Junior, delirante storia tipicamente statunitense con un grandissimo Nicolas Cage. Dopo pochi anni arriva la consacrazione definitiva con il premio Oscar per Fargo, capolavoro del 1996 impregnato di quell’umorismo macabro che è il loro marchio di fabbrica. E’ uno dei momenti d’oro per i due fratelli, infatti il film seguente (1998) sarà quel Il Grande Lebowski, ancora oggi tra i più gettonati. Due anni dopo la troupe scenderà verso il Mississippi per una fortunata e geniale parodia dell’Odissea di Omero intitolata Fratello dove sei. Una storia fatta di brillantina, bluegrass, blues, crocicchi, rapinatori di banche e idioti esponenti del Ku Klux Klan, culminato con una grande inondazione del fiume Mississippi....

Read More

Un viaggio in America attraverso la sua pittura

By on Mag 25, 2013 in Arte e Cultura, Blog, USA | 0 comments

Che l’America abbia una breve storia è un fatto conclamato. Poco più di 500 anni, molto intensi, anche a livello pittorico. Se per i primi 4 secoli le influenze europee, cioè delle varie etnie fondatrici dei vari Stati, erano fortissime è altrettanto vero  che la determinazione a trasferire integralmente la quotidianità nel segno artistico fa nascere l’esigenza di un nuovo linguaggio, materiale e simbolico, totalmente sganciato dai modelli tradizionali. L’espansione verso il West, nel XIX secolo, ha creato quell’identità fatta di natura, della vita di frontiera resa celebre anche dalla letteratura e, successivamente, dal cinema statunitense, magistralmente trasposta su tela da Frederic Edwin Church, Winslow Homer e Frederic Sackrider Remington. Ma sono soprattutto le immagini della gente comune, cioè coloro che hanno creato l’America che amiamo, che colpiscono maggiormente l’immaginario  di quegli appassionati che vivono il sogno americano e, ai quali, fa un grosso riferimento il progetto Travel For Fans. Pittura, questa, ampiamente sottovalutata fino agli anni ’60 quando, finalmente, si inizia a registrare un’inversione di tendenza con studi scientifici e numerose mostre monografiche e tematiche che hanno fatto luce su un vasto patrimonio di opere, determinando un autentico ribaltamento dell’interesse della critica e del mercato conquistando anche il resto del mondo. Uno dei periodi più interessanti e creativi è quello che ha coinciso con i “ruggenti anni venti”, arrivati dopo la fine della 1° Guerra Mondiale e caratterizzati da una grande euforia ma, anche, da disillusione e da grandi contraddizioni. E’ in questi anni che nasce il realismo americano, anche conosciuto come Regionalismo, che descrive i più diversi aspetti dell’America della Grande Depressione. Il movimento vede tra i principali interpreti Grant Wood, Thomas Hart Benton e, soprattutto, Edward Hopper. Il contesto cittadino, la solitudine e l’individuo comune prendono forza tra le pennellate di questo movimento – vitale e retorico – che ci regala un perfetto spaccato dell’America rurale e urbana di quegli anni che influenzerà tutta l’arte dell’ultima parte del XX secolo, grazie anche al New Deal roosweltiano che segnerà importanti iniziative governative a favore dei giovani artisti statunitensi, dalle quali nasceranno l’Espressionismo astratto e la Pop Art. Tra i più noti ed interessanti artisti del XX secolo ci piace citare anche Andrew Whyeth, anch’esso interprete del regionalismo ...

Read More

Viaggiare: se vuoi farlo, fallo bene. Con Travel For Fans

By on Mag 21, 2013 in Blog, USA | 1 comment

Esistono viaggi e viaggi. Questa è una verità assoluta che trova sempre più concretezza nel panorama del turismo mondiale. Il classico viaggio organizzato “da pacchetto”, pur rimanendo sempre gettonato, sta subendo l’inevitabile flessione data dalla tanta offerta spesso, se non addirittura troppo, in concorrenza costante tra i vari Tour Operator. E, poi, il turista moderno vuole – sempre di più – investire su quello che non è un semplice viaggio ma, bensì, il coronamento di un sogno. Perché il viaggio inizia tra le 4 mura domestiche, dove l’avventura si concretizza e prende forma, ed è allora lì che nasce quel fuoco sacro che ci permette di vedere costruirsi, nella nostra mente, l’itinerario perfetto. Bruce Chatwin, un famoso travelwriter, un giorno ha scritto “il viaggio non soltanto allarga la mente: le dà forma”. Per poter concretizzare tutto questo è, però, necessario che ci sia una profonda conoscenza, da parte di chi organizza e prepara i pacchetti per un mercato che viene comunemente chiamato “di nicchia” (ma che se andiamo a guardare i numeri comprende alcuni milioni di potenziali clienti), di tutte quelle sfumature fondamentali per realizzare questi nostri sogni. Ed è proprio a questi utenti che si rivolgono un gruppo di appassionati italiani (l’associazione culturale Rootsway e Il Blues Magazine, l’unica rivista di settore che da 30 anni si occupa di Blues e delle sue culture) e un Tour Operator (Altrimenti Tour Operator di Verona), anch’esso ispirato da viaggi fatti “per appassionati”. Ecco che, allora, è nato Travel For Fans: il coronamento di un sogno, il viaggio della vita. Una serie di progetti a tema, totalmente dedicati alle passioni che accomunano migliaia di persone: la musica, la cultura, lo sport, l’arte e che, finalmente, sono stati progettati con una specifica cura e attenzione nei piccoli dettagli, per poter dire “ci sono stato” e aver vissuto un’esperienza unica nel suo genere. I primi progetti proposti sono quelli legati alla musica e al territorio del Sud degli Stati Uniti, dove tutto ha avuto inizio: il Mississippi e dintorni. Provate a liberare la mente e fatevi trascinare da un viaggio Travel For Fans, perché, come diceva John Steinbeck – profondo conoscitore di quelle terre – “Il viaggio è come il matrimonio. Il metodo...

Read More

Con Travel For Fans nel Mississippi, dove tutto ebbe inizio

By on Mag 21, 2013 in Blog, Musica, USA | 0 comments

Una lingua di terra, piatta, agricola, dove la polvere si mescola al fango dei fiumi limacciosi. Dove la vita si dipana in minuscoli borghi e non esistono le metropoli. Dove se dici che questa è l’America non ti credono. Una terra dove il canto era l’unico modo di comunicare di una popolazione portata lì con la forza. E con la forza, ma anche con tanta crudeltà, è stata costretta a lavorare e vivere di miseria e umiliazioni. Una terra che ha sofferto e che ha fatto soffrire, ma che ha, anche, contribuito a creare la musica moderna: il Blues e i suoi più celebri derivati. Questa terra ha preso il nome del suo fiume più importante ed è entrata anche nelle nostre case, nel nostro immaginario e nei nostri sogni attraverso i racconti di William Faulkner, Erskine Caldwell, John Steinbeck; gli scatti di Dorothea Lange, Walker Evans, William Ferris, Dick Waterman, le immagini di Bertrard Tavernier, Alan Parker, dei fratelli Cohen fino all’ultimo capolavoro di Quentin Tarantino. Questa terra, dove un incrocio può diventare leggenda, dove il sacro si fonde nel profano, dove il suono del treno è ritmo e musica, ha un fascino che – quando la vedi – non puoi che restarne innamorato. Questa terra si chiama Mississippi Delta Delta (da non confondersi con il Delta geografico, in quanto è una zona di 7.000 miglia quadrate a forma di foglia allungata che a Nord sfiora Memphis ed a Sud Vicksburg) ed è laggiù nel “Deep South” degli Stati Uniti, ricca di magnolie e cotone che sembra neve d’estate. Dalle sue piantagioni e dai terribili penitenziari, dalle disgrazie e dalle gioie è nata quella musica che, anche grazie al lavoro di Alan Lomax e dei suoi seguaci, è arrivata anche ai giorni nostri. Da quelle terre ha preso il “City of New Orleans”, nei casi più fortunati, o uno dei tanti Freight Trains per arrivare a Chicago ed elettrificarsi, oppure si è fermata a Memphis e nei suoi Sun Studio per diventare Rock ‘n’ Roll o addirittura, mescolandosi con i suoni provenienti dagli Appalachi, si è trasformata nella Country Music. Questa è la magia del Blues e del Mississippi, una terra e una cultura che va vissuta a...

Read More